. .
. .
  Fattori innati e fattori appresi nella percezione
FATTORI INNATI E FATTORI APPRESI NELLA PERCEZIONE

L'APPROCCIO EMPIRISTA

L'APPROCCIO INNATISTA

LA PERCEZIONE DEL NEONATO

LA TEORIA DI HEBB

IL PROBLEMA DELLA INFLUENZA DEI BISOGNI, MOTIVAZIONI, STATI EMOTIVI, ATTEGGIAMENTI E DELLA PERSONALITA' NELLA PERCEZIONE

I BISOGNI ORGANICI TENDONO A DETERMINARE CIO' CHE E' PERCEPITO

L'EFFETTO DI RICOMPENSE E PUNIZIONI SU CIO' CHE E' PERCEPITO

IL VALORE INDIVIDUALE DEGLI OGGETTI INFLUISCE SULLA VELOCITA' DI RICONOSCIMENTO

IL VALORE DELL'OGGETTO INFLUISCE SULLA GRANDEZZA PERCEPITA

LE DIFFERENZE INDIVIDUALI O LA PERSONALITA' NELL'ORGANIZZAZIONE PERCETTIVA

ANSIA E RIGIDITA' PERCETTIVA

COGNITIVISMO E PERCEZIONE
 

Uno dei problemi classici della percezione visiva è riassumibile in questi termini: la nostra capacità di percepire i vari aspetti dell'ambiente è frutto dell'apprendimento od è, al contrario, innata? Si tratta dell'antico "problema innatismo-empirismo" (o "natura-educazione") che è stato affrontato per la prima volta in modo sistematico, proprio in rapporto alla percezione, dai filosofi del diciassettesimo e diciottesimo secolo.
Gli innatisti (come Cartesio e Kant) sostenevano che l'uomo nasce già con questo tipo di capacità percettiva; gli empiristi (come Berkeley e Locke) ritenevano invece che l'uomo impara attraverso l'esperienza del mondo circostante la maniera di percepirlo.
Questi due diversi indirizzi, col nascere della psicologia sperimentale, si sono poi trasferiti dal campo filosofico a quello più propriamente psicologico e scientifico, facendo sempre sentire la loro influenza nella ricerca e nella discussione dei risultati. La maggior parte degli psicologi contemporanei, tuttavia, sono convinti della possibilità di una feconda integrazione di questi due indirizzi.
Nessuno, oggi, dubita del fatto che la pratica e l'esperienza influenzano la percezione. L'esempio della Fig. 1a è abbastanza dimostrativo: si tratta di una figura ambigua, ma il modo in cui viene interpretata e percepita (una vecchia od una giovarle donna) è chiaramente influenzato dalla figura che abbiamo osservato in precedenza (Fig. 1b e Fig. 1c).
Senza questo tipo di esperienza, invece, la probabilità di percepire una vecchia è pressoché uguale a quello di percepire una giovane. A parte queste dimostrazioni particolari, comunque, rimane sempre il problema generale se noi nasciamo già dotati della capacità specifica di percepire gli oggetti e lo spazio o se, di contro, ciò è interamente frutto dell'apprendimento. Esperimenti, che certamente dimostrano una certa quota di propensione innata nei risultati percettivi, sono quelli di Fantz e della Gibson (vedi qui).
Un esempio significativo, comunque, di come empiristi ed innatisti affrontano il problema del perché si percepisce in una determinata maniera, lo abbiamo nell'apparente discrepanza tra quello che è lo stimolo prossimale e quello che in realtà vediamo. Qui consideriamo la grandezza percepita: un uomo lontano 5 metri, e che quindi proietta sulla retina (stimolo prossimale) una immagine abbastanza estesa, viene percepito alto esattamente come un uomo lontano 50 metri, e che proietta sulla retina un'immagine piuttosto ridotta.

     Figura 1   a)             Figura 1   b)              Figura 1  c)
 


Fig. 1 a) Questa illustrazione è stata chiamata da Boring "la giovane e la suocera": essendo, infatti, ambigua vi si può vedere sia l'una che l'altra delle due figure. La nostra prima interpretazione, però, varia a seconda di quanto abbiamo percepito in precedenza (v. Fig. b) e c). - b) L'illustrazione, modificata dalla Fig. a), rappresenta chiaramente una vecchia. Facendola osservare ad un soggetto e mostrandogli, subito dopo, l'illustrazione ambigua della Fig. a), questo tenderà a vedervi una vecchia. - c) L'illustrazione è una diversa modificazione della Fig. 1 a) e rappresenta chiaramente una giovane. Facendola osservare ad un soggetto, diverso da quello impiegato per la prova della Fig. 1 b) e mostrandogli poi l'illustrazione ambigua della Fig. 1 a) questo tenderà a vedervi una giovane.