RELIGIONE - LIBRI CONSIGLIATI

    

Niccolò Cusano - Il Dio nascosto


Indice - Sommario

Introduzione

Cronologia della vita e delle opere

Bibliografia

Nota alla traduzione

Il Dio nascosto

La ricerca di Dio

La filiazione di Dio


Collocandosi tra medioevo ed età moderna, Niccolò Cusano consegnò al suo tempo - travagliato da gravi divisioni in seno alla Chiesa e assillato dal pericolo turco - un cristianesimo profondamente ripensato e attento alle nuove esigenze culturali. Originario di Cusa, nei pressi di Treviri, Niccolo partecipò al Concilio di Basilea, per poi diventare vescovo di Bressanone e successivamente vicario generale di Roma sotto Pio II. Abile diplomatico, fu soprattutto uomo brillante per curiosità intellettuale e profondità di spirito. Importanti tematiche giuridiche, politiche, filosofiche e teologiche convergono nel suo pensiero - in modo sorprendentemente attuale - alla costruzione armonica di un progetto di pace universale (tra culture e religioni diverse) al quale egli consacrò la vita e l'intera produzione letteraria. I tre opuscoli qui tradotti in italiano sono costruiti su tre parole bibliche di seducente bellezza: l'esclamazione del profeta Isaia: "Veramente tu sei un Dio nascosto!" (De Deo abscondito); la predica ateniese di Paolo a coloro che "a tentoni" cercano il "Dio ignoto" (De quaerendo Deum); e la constatazione, piena di stupore, dell'evangelista Giovanni: "A coloro che lo hanno accolto ha dato il potere di diventare figli di Dio" (De filiatione Dei). In un avvincente crescendo il commento del cardinale si inerpica per sentieri squisitamente speculativi. L'introduzione e le note consentono una lettura che inquadra i testi nelle loro coordinate storiche, aprendoli a successivi sviluppi del pensiero occidentale moderno da Cartesio a Hegel.

Dall'anticipazione:
Il filosofo della teologia negativa.


Noi non possiamo parlare né conoscere Dio perché nessuno può temerariamente addentrarsi nella sua luce inaccessibile: Dio è "veramente nascosto". Dio è al di sopra e al di là di tutte le cose, irraggiungibile per la nostra ragione. Perciò di fronte a Dio l'uomo saggio deve tacere, la sua unica forma di sapienza è il silenzio. È veramente dotto colui che a proposito di Dio confessa socraticamente di non sapere. Certo, noi cerchiamo continuamente il Dio nascosto, partendo dalle cose create, che tutte contengono Dio ma non sono Dio. Infatti Dio, l'Uno, è in tutte le cose, i Molti, ma le cose non sono Dio. Dio non è materia, non è corpo, non è senso, non è ragione, non è intelletto. Non è nulla di tutto ciò che è dicibile: è ineffabile. Eppure noi siamo figli di Dio, Dio ci ha fatti suoi figli e attraverso questa filiazione, attraverso la santità noi potremo non CONOSCERE Dio ma INTUIRE Dio e nella vita beata deificarci.


Catalogo Opere

HOME PAGE

Libri antichi Nuove uscite

Niccolò Cusano

2008 - Parodos Religione