RELIGIONE - LIBRI CONSIGLIATI

    

Quinto Settimio Florenzio Tertulliano - L'apologetico


L'apologetico

Orazione dello scrittore latino Quinto Settimio Florenzio Tertulliano (c. 150-240)

E' una vivace e poderosa arringa in difesa dei cristiani, dettata in un momento di sdegno per qualche persecuzione, scoppiata forse nel 197; il carattere giuridico-sociale e l'impronta nazionale romana ne sono gli elementi fondamentali. E' preceduta da un'introduzione: i cristiani sono vittime di un odio ingiusto, perchè non sono conosciuti. Non essendo loro possibile difendersi pubblicamente, almeno sia loro permesso difendersi per iscrirtto.

E' doveroso informarsi bene prima di mandare a morte degli innocenti; inoltre la procedura del giudizio è anomala: basta una denuncia, con conseguente carcere preventivo dell'accusato, poi viene l'interrogatorio (il giudice domanda all'accusato se veramente è cristiano), quindi la condanna. Se il cristiano, nonostante la minaccia, persiste, talvolta i giudici aggiungono nell'atto di accusa altri delitti, come infantici o incesti. Valido è ancora il rescritto dell'imperatore Traiano, uno stato di persecuzione latente, che considera il cristianesimo un delitto d'opinione (religio illicita); eppure gli stessi pagani riconoscono i benefici effetti della conversione. Indi Tertulliano confuta le accuse mosse ai cristiani di occulta facinora (segrete infamie) e di facinoramanifestiora (delitti manifesti), persino di lesa maestà e di complotto contro lo stato. Questo forma il motivo centrale dell'orazione: il delitto di lesa maestà identificato nel rifiuto di venerare il numenimperiale non può sussistere: infatti ilnumen, o meglio demone, non esiste in quanto per esistere ha bisogno dell'appoggio imperiale: i cristiani pregano Dio per la conservazione dell'imperatore e questa preghiera si rivolge a vantaggio dei cristiani stessi poichè "il mondo tanto sarebbe durato quanto l'impero romano e, cadendo questo, il mondo intero sarebbe perito".

Quanto al fatto che i cristiani siano chiamati publicihostes, Tertulliano risponde che essi non formano un partito politico e non fanno politica; infine i cristiani sono accusati di essere infructuosiin negotiis (parassiti negli affari); ma non c'è accusa più falsa, come pure quella che definisce i cristiani una setta filosofica: ma se anche le loro credenze fossero false e stolte, non recherebbero male agli uomini. Il pregiudizio non è nei cristiani ma nei pagani, che condannano ciò che fa del bene all'umanità; irreprensibili sono i costumi dei cristiani, onde con questo grido di trionfo e con una sfida si chiude l'Apologetico: "Il sangue dei cristiani è una semente". Opera ricca di tutte le risorse della dialettica e dotata di una certa ironia, l'Apologetico vuole condannare il paganesimo, esaltare la nuova forza che emana dal cristianesimo e dimostrare la superiorità della fede cristiana rispetto alla filosofia.



TERTULLIANO


Catalogo Opere

HOME PAGE

Libri antichi Nuove uscite

 

2007 - Parodos Religione