spiritualismo
:

 

corrente filosofica che sostiene la supremazia e l'autonomia dello spirito.
sensismo:
dottrina filosofica che fa derivare ogni nostra conoscenza dalle sensazioni.
opposizione:
atto,effetto dell'opporre o dell'opporsi
 
Nel 1519, il conquistatore Cortés distrusse con meno di 600 soldati l’intero impero atzeco. Gli Aztechi, non avendo mai visto un uomo bianco e tanto meno un uomo con la barba (loro sono glabri) lo scambiarono per un dio. La stessa cosa avvenne nel caso dei Maya, che tra l'altro avevano una civilizzazione molto sviluppata. Il risultato fu un massacro nella pura tradizione Cristiana, con più di venti milioni di morti. Le conseguenze della conquista e della colonizzazione

I vescovi si diedero un gran da fare per distruggere tutti documenti riguardanti la storia di queste civiltà.
Il motivo per cui gli Indios, molto superiori per numero, non si difesero è semplice: i loro testi antichi parlavano di un uomo bianco con la barba che aveva salvato il popolo atzeco durante il diluvio universale.
 
- Giovanni VIII, morì avvelenato da un marito geloso

- Giovanni X, amante di Teodora, fu strangolato nel suo letto

- Stefano VII, fu imprigionato e strangolato a castel Sant'Angelo

- Giovanni XII, uno dei papi più dissoluti e corrotti della storia, fu cacciato dall'imperatore Ottone I e assassinato da una delle sue amanti

- Benedetto V stuprò una giovane romana e fu obbligato a scappare con una buona parte del tesoro pontificio, venne ucciso da un marito poco incline a dividere sua moglie

- Benedetto VII, fu strangolato da un figlio illegittimo di Giovanni X

- Benedetto IX, aveva undici anni quando prese la direzione della chiesa cattolica e si distinse anch'egli per corruzione e dissolutezza

- Bonifacio VIII, viene ricordato per sue orge con i bambini [e si dice anche che sul letto di morte abbia continuato a lanciare anatemi, bestemmie, minacce e maledizioni contro tutto e tutti.

- Bonifacio IX, comprò il pontificato con altri due compari per rivendere successivamente la sua parte

- Clemente VIII che condannò Giordano Bruno al rogo

- Leone X che sarà ricordato per la sua frase:"quanto profitto ci ha portato questa favola di Gesù Cristo" [e pare che quando divenne papa abbia detto a suo fratello Giuliano "Poichè Dio ci ha dato il Papato, godiamocelo" e viaggiasse attraverso Roma alla testa di una stravagante parata, in cui sarebbero apparsi pantere, giullari e un elefante bianco. Avrebbe fatto servire cene con 65 portate, nelle quali i ragazzini saltavano fuori dai budini, nda]

- Innocenzo III, feroce e sanguinario, viene ricordato per il massacro degli Albigesi e per la sua famosa frase "ammazzateli tutti, dio riconoscerà i suoi".

- Alessandro VI (Borgia) conosciuto per la sua vita "esemplare" e suo figlio che per la sua condotta scandalosa ispirò il libro di Machiavelli "Il Principe" e che promulgò la bolla "Inter Caetera" che dava ai reali spagnoli poteri illimitati sulle terre e sulla gente del sud America.
Una Bolla, quest'ultima, ancora in corso oggi e considerata il fondamento della repressione contro le popolazioni Indios (in via d'estinzione).
Una delegazione di Indios, approfittando del Giubileo, è venuta a Roma per incontrare il Papa e chiedergli di revocare questo testo. Non hanno potuto incontrarlo e stanno ancora aspettando una risposta.

- Pio V che ordinò di assassinare ventimila protestanti Ugonotti e Pio IX, difensore dell'ordine e della religione di fronte alla rivoluzione e al liberalismo, che proclamò il dogma dell'immacolata concezione e dell'infallibilità del Papa

- Ma il livello più alto della corruzione fu raggiunto da Leone X con la sua promulgazione delle indulgenze.

- Pio XII che è accusato di complicità con Hitler (fervente cattolico).

- Giovanni Paolo I, deceduto soltanto un mese dopo la sua elezione.

- Giovanni Paolo II, che entrerà nella storia grazie alla sua lotta spietata contro i preservativi e che dovrebbe essere citato al tribunale per crimini contro l'umanità (questa proposta fu fatta dal professore Swarzenberg, ex ministro della sanità francese, al parlamento Europeo).









Cronologia dei papi

La Bibbia nell'arte

Le religioni alla sfida del futuro

Fotogallery



La Bibbia è costituita da 66 libri di cui la Genesi è il primo e l’Apocalisse l’ultimo. Il tutto suddiviso in due parti: il vecchio testamento e il nuovo .
Il vecchio testamento ci racconta la storia del popolo Ebraico ed è comune a Ebraici, Cristiani e Musulmani, il nuovo ci racconta la storia di Gesù tenendo conto delle profezie del vecchio.

I vangeli furono scritti nella lingua greca utilizzata nel secondo e terzo secolo e, insieme alla bibbia, furono tradotti in latino nel quarto secolo. Il libro d’Umberto Eco, Il nome della rosa dà un’idea precisa su chi tradusse e su come furono tradotti e compilati i testi antichi.
Il latino utilizzato era un latino ecclesiastico incomprensibile che solo gli iniziati potevano capire; d’altra parte la chiesa si opponeva alla diffusione della bibbia al di fuori delle mani dei sacerdoti, e vietava la sua traduzione in altre lingue.

John Wycliff, il primo che osò tradurre la bibbia in inglese, fu denunciato come eretico e la sua traduzione fu data alle fiamme. All’inizio del sedicesimo secolo, William Tyndale fu strangolato e poi bruciato per aver osato tradurre la bibbia in Inglese. Le traduzioni furono consentite soltanto dopo lo scisma, ma il significato dei testi risultò spesso stravolto a causa dell'influenza culturale del traduttore.
Un esempio clamoroso è quello della versione della bibbia ancora in vigore in Papuasia, Nuova Guinea, in cui la popolazione, che conosce solo il maiale, ha fatto diventare maiali tutti gli animali della bibbia (asino, leone e bue) compreso Gesù, "agnello di dio" che è diventato "maiale di dio".