INDICE
Non desiderare la donna d'altri: mai comandamento fu meno rispettato di questo, sopratutto dai poeti. Tutti gli articoli. 
 
HOME PAGE   LETTERATURA   STORIA   FILOSOFIA   LIBRI FAMOSI     E-MAIL 

GENERI LETTERARI

I generi letterari sono categorie retoriche mediante le quali si classificano le opere in base a caratteristiche di contenuto e di forma. Il genere nasce e si codifica infatti dalla stretta correlazione fra determinati temi e specifiche scelte formali. Esso può avere una normatività interna forte, se poco soggetto a cambiamenti strutturali, e debole se è suscettibile di variazioni e modifiche. Categorie che vivono nel tempo, i generi sono sottoposti al condizionamento e al cambiamento del sistema letterario e sopravvivono se capaci di cambiare funzione nell'ambito della nuova realtà artistica.

Il concetto di genere letterario è un concetto complesso che ha avuto una lunga storia, tra accettazione, imposizione, tenue adesione e rifiuto. Fin dall'antichità la riflessione estetica e in particolare la riflessione sulla letteratura si è infatti interrogata sul significato e sul valore del concetto di genere.

Ogni opera letteraria è un'individualità con caratteristiche proprie elaborate dall'autore o dagli autori che l'hanno creata, ma essa non è un organismo astratto, assoluto, senza condizionamenti. Nasce infatti in un tempo e in uno spazio storicamente determinati, frutto di un'esperienza di vita e di cultura, frutto di un rapporto ben preciso e attivo con la tradizione e il sistema letterario. In ogni testo vive sempre un rapporto stretto tra tradizione e innovazione, tra fedeltà e scarto, tra rielaborazione e originalità. Per questo motivo non solo i critici e i filosofi della letteratura, ma anche gli autori, più o meno consapevolmente anche senza arrivare esplicitamente a una dichiarazione di poetica, si sono imbattuti nel concetto di genere letterario.

In modo esplicito e come riflessione dichiarata il concetto nacque in Grecia verso la fine del V secolo a.C., quando, di fronte ai capolavori del passato come per esempio i testi omerici, si cercò di ricavare da essi degli schemi utili ai nuovi scrittori. Già Platone elaborò una prima distinzione sia in base al contenuto, distinguendo il genere serio (epopea, tragedia) e il genere faceto (commedia, poesia giambica), sia in base ai modi della rappresentazione, distinguendo il genere mimetico o drammatico (tragedia, commedia), quello espositivo o narrativo (ditirambo, nomo) e quello misto (epopea). Il filosofo greco non escludeva in questa classificazione una gerarchia di valori fondata sul concetto di arte come mimesi e sul grado di passionalità che un'opera può suscitare nel lettore. Così, ad esempio, il dramma, proprio perché dotato di una forte carica emozionale, veniva condannato come corruttore di animi e di costumi.

Un influsso decisivo sulla teoria dei generi esercitò però Aristotele che, rovesciando lo schema e la gerarchia di Platone, tracciò nella Poetica una bipartizione della letteratura in drammatica e narrativa, indicando nella prima la forma più perfetta di poesia in quanto capace di sublimare le passioni attraverso la catarsi. Della tragedia il filosofo indicò anche i tratti salienti senza parlare mai tuttavia di generi o di regole.

Le idee aristoteliche furono riprese e sviluppate dai grammatici alessandrini che incominciarono a individuare e codificare delle norme ben precise e iniziarono a condannare la mescolanza di forme poetiche diverse. Nacque così una codificazione degli istituti letterari che passò al mondo romano, che ebbe la sua più famosa e vistosa applicazione in opere come l'Ars poetica di Orazio e l'Institutio oratoria di Quintiliano.

Anche nel Medioevo si mantenne viva la dottrina dei generi, ma si crearono necessari cambiamenti, sia perché non si conosceva la Poetica di Aristotele (il testo base era l'anonima Rhetorica ad Herennium, ritenuta tuttavia di Cicerone), sia perché nacquero nuove forme poetiche (canzone di gesta, sacra rappresentazione…) non codificabili in base ai vecchi schemi. A una rigida teoria dei generi, dunque, il Medioevo privilegiò una dottrina degli stili, distinguendo la "tragedia", opera con finale tragico e in linguaggio sublime (gravis) che comportava una rigorosa selezione formale; la "commedia", opera con finale lieto e in linguaggio umile (humilis), più aperta ai vari registri linguistici; e l'"elegia", opera d'ispirazione sentimentale e dolorosa in stile mediocre, ossia medio, moderato (mediocris).

La scoperta della Poetica di Aristotele nel Cinquecento e l'ampio dibattito che essa suscitò in pieno Rinascimento italiano comportarono un irrigidimento del concetto di genere con la nascita di una rigorosa precettistica per autori e critici non priva di polemiche accese. La bipartizione aristotelica fu sostituita dalla tripartizione in epica, drammatica e lirica e accanto ai vecchi generi letterari furono introdotti il dramma pastorale, il poema cavalleresco, il melodramma ecc.

Il predominio dei generi durò fino alla metà del XVIII secolo, non sempre incontrastato, per l'opposizione di illustri critici e filosofi (come Giordano Bruno). Nemmeno i romantici giunsero a disconoscere completamente l'istituto dei generi, anzi lo caricarono di significati filosofici, preoccupandosi di opporre forme moderne a forme antiche. Successivamente, nel clima positivistico del secondo Ottocento, i generi vennero interpretati come veri e propri organismi viventi nel loro evolversi storico e ciclico.

La prima sistematica confutazione del sistema dei generi si ebbe all'inizio del XX secolo con il filosofo Benedetto Croce. Nell'ambito di un'estetica che considerava l'opera d'arte come un atto individuale e irripetibile, il genere letterario venne ridotto a semplice schema di comodo privo di qualsiasi valore storico o gnoseologico.

Nella seconda metà del XX secolo con la diffusione di nuovi orientamenti critici, in particolare la semiologia e lo strutturalismo, si è tornati a volgere l'attenzione al genere letterario, categoria utile per analizzare i legami tra singola opera e tradizione letteraria e per comprendere gli aspetti di novità che ogni opera originale apporta nei confronti del passato e delle norme consolidatesi.
 

   Archivio - Storia della letteratura    Filologia    Stilistica    Stile    Generi letterari    Aggiornamenti
Letteratura greca e latina - Personaggi   Vai alla sezione di scienze Iscrizione alla mailing list