WWW.PARODOS.IT

 
Home   Indice   Scienze   Hawking

Lingua orale e scritta

II testo umoristico

Ci sono testi umoristici che  si basano su procedimenti diversi quali la «personificazione», l'irruzione di un personaggio straordinario in un contesto banale, il capovolgimento della norma. In tutti questi casi è soprattutto la situazione a essere comica. I brani mantengono il loro umorismo anche tradotti da una lingua a un'altra.
Vi sono invece testi che, come quelli che presentiamo ora, perderebbero il loro effetto comico se venissero tradotti. In questi casi l'umorismo si basa essenzialmente sulle parole di una particolare lingua. Chi legge un brano di questo tipo ride perché conosce bene la lingua con le sue frasi fatte e con i doppi sensi e sa quali equivoci possono nascere. Si tratta di un tipo di umorismo che è soprattutto un gioco linguistico.
Per cominciare presentiamo alcune barzellette in cui l'effetto comico nasce dall'ambiguità, dalla pluralità di significati delle parole.

Perché lo specchio non racconta mai sciocchezze?
Perché ha l'abitudine di riflettere.
Qual è il colmo per un pescivendolo?
Non avere... scampo
Qual è il colmo per un orologiaio?
Avere le figlie... sveglie
Cameriere, questo tavolo è riservato?
- dacché! Va a raccontare in giro tutto quello che sente!

Esame di scuola guida
.
- Supponiamo che la sua macchina si fermi improvvisamente a un passaggio a livello, proprio sulle rotaie, mentre sta per sopraggiungere un treno. Che marcia innesterebbe?
- La marcia funebre...
- Arturo, vieni con noi a fare un giro a Sorrento?
- Come ci andate? - In « 127».
- No, grazie, siete già in troppi!


Con i bambini cerchiamo in ogni barzelletta la parola che, per la sua ambiguità, provoca l'effetto comico.  Proponiamo poi alcune barzellette alle quali manca la battuta finale e chiediamo ai bambini di completarle.

1. Alla stazione.

- Scusi, lei prende l'espresso? - Oh, no, altrimenti...

2. Amiche al telefono. - Pronto, Maria, sei in linea? - No, purtroppo ...

3.In trattoria

-L'insalata russa, signore!-dice il cameriere al cliente porgendogli il piatto.

-Bene, la...
Soluzioni:

1. ...la notte non dormo.
2. ...sono ingrassata di qualche chilo.
3. ...metta a letto.

Leggiamo ora un brano più lungo dove tutta la situazione comica nasce dalla doppia interpretazione della frase «Abbasso il nove».

ABBASSO IL NOVE

Uno scolaro faceva le divisioni.

- Il tre nel tredici sta quattro volte con l'avanzo di uno. Scrivo quattro al quoto. Tre per quattro dodici, al
  tredici uno. Abbasso il nove...

- Ali, no, - gridò a questo punto il nove.

- Come? - domandò lo scolaro.