Nuove uscite

  


 

Profili delle Letterature

Torna al sito

Trova nell'archivio i libri scelti dalla redazione.

Archivio




 

'L'economia secondo i pirati. Il fascino segreto del capitalismo'

di Peter Leeson

È uscito in italiano un curioso libro di Peter Leeson, "L'economia secondo i pirati. Il fascino segreto del capitalismo" (Garzanti, 21,60) dove l'autore, storico americano del capitalismo, spiega i principi fondamentali dell'economia e della democrazia moderne prendendo come modello gli equipaggi delle navi pirata del XVII secolo (proprio quelle del Corsaro Nero o di Pietro l'Olonese, con la bandiera col teschio che, all'inizio, non era nera bensì rossa, da cui il nome "Jolie rouge" che in inglese era stato poi storpiato come "Jolly Roger").

Leeson dimostra che, con le sue leggi ferree, a cui ogni pirata per bene si atteneva, la filibusta era un'organizzazione "illuminata", democratica, egualitaria e aperta alla diversità: in poche parole era un modello perfetto di società capitalistica.


'Leggere le favole di Esopo nella Bisanzio medioevale'

di Guglielmo Cavallo

La civiltà bizantina ritorna in libreria con una serie di titoli interessanti, adatti anche a un pubblico non specialista. Tra i molti, ricordiamo che è appena uscito Bisanzio di Judith Herrin (Corbaccio); l'Editrice Goriziana, invece, ha proposto il saggio Bisanzio e il suo esercito di Warren Treagold; Einaudi ha pubblicato nelle «Grandi opere» il primo volume de II mondo bizantino: vasto repertorio in tre volumi redatto da un gruppo di studiosi del Cnrs francese.
Ma per tutti coloro che desiderano conoscere l'argomento si aggiunge ora un delizioso libro di Guglielmo Cavallo, uno dei maggiori studiosi europei di questa civiltà: Leggere a Bisanzio. Il volume — da non confondersi con l'analogo pubblicato a suo tempo da Laterza — è nato da dodici lezioni tenute all'Ecole des Hautes Etudes en Sciences Sociales nel 2003. La traduzione italiana è rivista e ampliata. Pagine che mostrano dimensioni fascinose, introducono in un mondo raffinatissimo distrutto dai turchi nel 1453, dopo la presa di Costantinopoli. Cavallo risponde a quesiti quali: chi leggeva a Bisanzio? Che cosa? Come? Quando? L'espressione «lettore comune», che dobbiamo a Virginia Woolf, permette comunque di individuare anche qui un generale a riposo come Cecaumeno, autore di uno zibaldone dal titolo Strategikon, o il magnate di provincia Eustazio Boila che lascia una biblioteca con un'ottantina di titoli, tra i quali c'è Esopo, una grammatica, libri religiosi e uno sull'interpretazione dei sogni.


'Il vento dell'odio'

di Cotroneo Roberto

Cotroneo immagina due storie di famiglia abbastanza eccezionali, visto che uno dei suoi eroi negativi è figlio di un ex fascista diventato spia dei servizi segreti e l'altra di un militante di sinistra ambiguamente compromesso con traffici non limpidissimi con l'Est. Ma la sua spiegazione della scelta terroristica come dovuta a impulsi autodistruttivi ( "Non lo facevamo perché volevamo un mondo migliore ma perché eravamo noi che volevamo morire, perché in quegli occhi ho visto me stesso, ho visto la mia ansia, la mia paura, il mio stare dentro quel vuoto, quell'odio di un paese irrisolto". ) e a una reazione a problemi familiari si possa anche applicare a storie di famiglie ben più piatte e normali - anzi, meglio ancora.

Questa è la lettura a cui inizialmente il romanzo invita, almeno per le prime ottanta pagine, salvo che dopo compie un salto. Si passa dalla psicoanalisi alla dietrologia e inizia una storia paranoide e mozzafiato che vede dietro ai terroristi una immensa ragnatela di servizi variamente deviati in cui poco conta la connotazione ideologica e l'appartenenza nazionale, il tutto che si dipana tra Argentina e Parigi ma con un sottofondo amaro e continuo che è (terzo tema del romanzo) la permanenza di un eterno fascismo italiano.




© News Powered by Parodos.it