Crivello

Crivello   (lat. cribellum, dim. di cribrum). Setaccio oscillante o rotativo a maglie più o meno sottili, usato per liberare i semi dalle impurezze che contengono o per classificarli in base alle loro dimensioni. (Si usa anche nell'industria molitoria per separare i vari prodotti della macinazione dei semi.) Fig. Passare al crivello, vagliare, esaminare, distinguere.

Estr. min. Apparecchio destinato al lavaggio meccanico con acqua dei minerali grezzi per operare una concentrazione del contenuto utile (metallo, carbone, ecc.)

Mat. Crivello di Eratostene.

u Estrazioni minerarie

La  corrente d'acqua può agire sulla massa di minerale per effetto di una differenza di pressione variabile, oppure mossa da un pistone (crivello a pistone), con il minerale disposto su un piano forato fisso o mobile, il quale in tal caso alternativamente si immerge ed emerge dall'acqua. La corrente d'acqua determina in ogni caso il passaggio del minerale attraverso i fori del piano, con corrispondente selezione.

u Matematica

Crivello  di Eratostene. Il metodo del crivello di Eratostene usato per la ricerca dei numeri primi consiste nello scrivere la successione dei numeri interi 1, 2, 3, 4, 5..., e nel cancellare da questa successione ogni numero che ammette un divisore diverso da se stesso o dall'unità. I numeri che restano sono necessariamente primi. Si sopprimono dapprima tutti i numeri pari eccetto il 2, poi i multipli di 3 eccetto 3, poi i multipli di 5 eccetto 5 e così via. Per costruire una tavola di numeri primi compresi fra 1 e A si continua l'operazione sino a quando si arriva a un numero primo il cui quadrato supera A.